Three Falling Peaks

Seguici su Facebook
Da Traderpedia.
Osservando questa foto possiamo essere sicuri che a sinistra si sale e a destra si scende. Ugualmente in presenza di un modello Three Falling Peaks l'indicazione è chiara: si scende!
"Non già l'altitudine bensì la ripidezza è terribile."
(Friedrich Nietzsche)


"Three Falling Peaks", traducibile come "i tre picchi cadenti", è un modello grafico di inversione caratterizzato da tre massimi inferiori tra loro, separati da due minimi di reazione inferiori tra loro.

Esistono diverse varianti di questa conformazione che comunque, come logica di base, presenta sempre tre massimi inferiori e non necessariamente allineati tra loro.

Indice

La formazione nel dettaglio

La caratteristica di questa conformazione grafica è di possedere tre picchi, proprio come il triplo massimo ma, a differenza di quest'ultimo, i picchi non sono allo stesso livello ma sono calanti. Ogni picco dovrebbe essere simile al precente per ampiezza e durata e, non necessariamente, essere contenuto da una trendline.

Siamo in presenza di un chiaro indizio dell'indebolimento del mercato, se un massimo non riesce ad eguagliare quello precedente la mancanza di forza è evidente. Quando il massimo successivo non riesce a riprendere nemmeno il secondo massimo è la debolezza, questa volta, ad essere evidente.

Three Falling Peaks è una formazione di inversione, inizia quindi con un trend rialzista definito. Si forma il primo massimo (1) al quale segue un primo storno che si conclude in (2). In questa fase l'ottimismo è ancora intatto e anzi, se il trend rialzista era stato esteso e ripido una correzione viene accolta bene, una buona occasione per rientrare da parte di chi aveva perso il treno.

Three falling peaks 1.png

I prezzi riprendono a crescere dal punto (2) fino al punto (3), i volumi non sono più quelli del trend rialzista, c'è meno partecipazione a questo nuovo impulso rialzista. Dal punto (3) i prezzi iniziano nuovamente a scendere senza nemmeno aver raggiunto il punto (2), molti trader intuiscono che la debolezza inizia a farsi strada, altri non colgono subito i segnali che i prezzi stanno dando. Si crea un nuovo minimo inferiore al precedente (4). Alcuni trader incapaci di attendere nelle fasi non chiare aprono delle posizioni short assimilando la formazione in atto a un doppio massimo riuscito male, con il secondo minimo inferiore (e non di poco) al primo.

I prezzi reagiscono spiazzando chi aveva aperto posizioni short, le nuove posizioni vengono frettolosamente chiuse e i prezzi creano un nuovo massimo (5) inferiore ai massimi precedenti (3) e (1).

La debolezza è evidente, la formazione è completa e non resta che impostare una strategia operativa.

La strategia operativa

Three Falling Peaks è un brutto triplo massimo, ne condivide il numero dei picchi ma non l'armonia e le proporzioni. La strategia operativa prevede, una volta individuato il punto (4) la creazione di un supporto che farà scattare nuove operazioni short.

La durata della formazione, simile a quella di una classica distribuzione, ha già fatto fuggire dalle posizioni long molti trader smaliziati che non aspettano certamente la rottura del supporto per chiudere gli eventuali long di lungo periodo, per uscire da un trade basta che smetta di salire e non necessariamente che inizi a scendere!

Three falling peaks.png

L'irregolarità della formazione può portare anche a discrete differenze di prezzo tra il punto (1) e l'ideale supporto posto nel punto (4), se la formazione risulta troppo profonda rispetto al trend che l'ha generata si sconsiglia l'apertura di posizioni short in mancanza di chiari incrementi di volatilità alla rottura del supporto, piuttosto si utilizzeranno le indicazioni di questa formazione per evitare nuove posizioni long considerando definitivamente compromesso il trend iniziale.

Piccole varianti al modello classico

Una volta compresa la logica di questa conformazione è possibile rinvenire anche alcune varianti che, pur non mutando la sostanza, hanno una forma leggeremente diversa. Rimane sempre fondamentale la presenza di tre massimi decrescenti ma la loro forma, estensione e posizione possono variare, come pure la distanza tra i due minimi di reazione.

L'esempio che segue ha qualche piccola variante evidente, la sostanza non cambia ma la distanza tra i tre massimi è diversa, sono presenti delle piccole aree di congestione e il terzo massimo è una sigola barra che fuoriesce dalla congestione.

Three falling peaks 2.png

Il secondo minimo di reazione potrebbe presentarsi a un livello di prezzo superiore al primo, anche in questo caso il supporto viene tracciato dal secondo minimo.

Modello Teorico


Vedi anche:

Strumenti personali
Varianti
Azioni




Navigazione
Categorie Principali
Altre Categorie
Traderpedia Store