Le monete

Seguici su Facebook
Da Traderpedia.

Le monete d’oro sono acquistate principalmente per il loro valore intrinseco, per la loro bellezza e la loro rarità. Le monete rappresentano un regalo interessante, di valore facile da trasportare conservare e permettono l’anonimato ed inoltre sono facilmente liquidabili in qualunque parte del mondo. La rivoluzione monetaria nacque circa nel 670 A.C. in Lydia (l’attuale Turchia) con l'emissione della prima moneta realizzata in una lega di oro ed argento chiamata "Electrum".

La moneta ha due facce su di un lato c’è un elemento figurativo (arpa) e sull’altro lato, ma non sempre, l’elemento epigrafico (leggenda). Tutto ciò che è impresso sulla moneta cioè il tipo e la leggenda si chiama impronta. Il diametro della moneta è il modulo. Titolo è il grado di purezza con cui il metallo viene impiegato per una determinata moneta.

La scala di conservazione e di valutazione ha la seguente suddivisione:

Le monete d’oro hanno corso legale nel paese di emissione, normalmente sono coniate in diverse dimensioni, il reale valore dipende dal contenuto di oro (che è sempre garantito) ed il loro prezzo è trattato e diffuso giornalmente. Lo spread tra prezzo di acquisto e vendita è limitato. Le monete d’oro sono antiche come la storia dell’uomo civilizzato e rappresentano l’ultima tappa degli scambi. Dal 1970 al 1990 le monete rappresentavano il 14% di tutto il nuovo oro estratto, con più di 60.000.000 di pezzi in circolazione. Le monete più trattate sono: il Krugerrand del Sudafrica, il 50 pesos del Messico, la Doppia Aquila degli Stati Uniti o 20 dollari, la Sterlina della Gran Bretagna, ed il Nugget australiano.


Krugerrand sud africa.jpg



Bretannia.jpg


eagle_americano.jpg


nugget_australiano.jpg



maple_leaf.jpg



philarmoniker.jpg

Vedi anche:

Strumenti personali
Varianti
Azioni




Navigazione
Categorie Principali
Altre Categorie
Traderpedia Store