Investire in diamanti

Seguici su Facebook
Da Traderpedia.

Voce a cura di Gabriele Bellelli.

"Perché così duro?" – disse una volta il carbone al diamante; "non siamo forse parenti stretti?
Perché così teneri chiedo a voi, non siamo in fondo fratelli?"

(Friedrich Nietzsche)


Non tutti sanno che i diamanti non sono solo un bene di lusso venduto in gioielleria ma sono utilizzati anche come strumento di investimento, nella realtà ne viene fatto anche un uso in campo industriale.

Uno splendido diamante.
Ultimamente capita sempre più spesso di imbattersi in pubblicità su internet o sul giornale in cui si narrano favolosi guadagni e ininterrotte salite dei prezzi che farebbero del diamante il migliore “bene rifugio”, anche qualche gruppo bancario ha iniziato a proporli ai propri clienti.

Mi sembra quindi doveroso cercare di spiegare in questo articolo le caratteristiche base dei diamanti, illustrandone i pregi ed i difetti a livello di investimento.

Indice

I pregi dell'investimento in diamanti

Partiamo dal lato più dolce dei diamanti, ossia dai pregi:


Detta in questo modo, sembrano uno strumento perfetto a livello di investimento ma, nella realtà, non mancano i difetti che non sono certo trascurabili.

I difetti dell'investimento in diamanti

Il prezzo dei diamanti

Sebbene il prezzo non sia determinabile in modo oggettivo, le statistiche mostrano che nel corso degli anni il prezzo si è mantenuto fondamentalmente in crescita.
Questo non significa però che i diamanti abbiano sempre protetto dall’inflazione ed abbiano quindi permesso di conservare il potere di acquisto come affermano i venditori del settore, che sono sempre molto abili nel dire mezze verità e nel tacere i difetti.

Il prezzo non è oggettivo perché ogni pietra è di fatto un pezzo unico ed il suo valore è collegato a numerose variabili che sono le famose “4 C”:
1) Colore
( color ): per definizione il diamante è “incolore e trasparente” mentre nella realtà sono frequenti impurità che ne modificano la colorazione per cui è stata creata una classificazione scalare che ordina in modo decrescente la gradazione. La scala parte dalla D, che rappresenta la qualità massima, e scende fino alla Z.
Un diamante da investimento non dovrebbe scendere sotto il grado D oppure E, che significano sostanzialmente “bianco eccezionale”.

2) Purezza ( clarity ): anche in questo caso esiste una classificazione che parte dal grado IF e scende fino a I3. Man mano che si scende nella scala decresce il grado di purezza. Per un diamante da investimento il consiglio è di concentrarsi sul massimo grado di purezza, ossia optare per il livello IF.

3) Carato ( carat ): un carato corrisponde a 0,2 grammi. In genere i diamanti di carato maggiore hanno il vantaggio che tendono a rivalutarsi in modo più consistente nel corso del tempo ma per contro hanno il difetto di essere ancora meno liquidabili e scambiabili. Per un diamante da investimento è consigliabile non scendere sotto 0,5 – 1 carato.

4) Taglio (cut ): esistono varie forme in cui può essere tagliato un diamante ma la forma che ne esalta maggiormente la brillantezza è la forma “tondo”, detta anche a “brillante” che consiste in 57 facce più l’apice. Il taglio è un’arte e necessita di parecchia esperienza. In base alla qualità del taglio si modifica anche il prezzo. All’aumentare della qualità del taglio, aumenta il prezzo. E viceversa.
A livello di investimento occorre necessariamente concentrarsi solo sul taglio “tondo” di qualità “eccellente”, ad incidere sul prezzo inoltre concorrono la finitura, le proporzioni e la fluorescenza. Nei diamanti da investimento occorre che la fluorescenza sia nulla ed assente.

Nello stabilire il prezzo di un diamante occorre fare riferimento al listino Rapaport, questo listino esprime i prezzi in dollari e per singolo carato ed è ad uso e consumo dei grossisti. Non è un listino ufficiale ma è piuttosto una indicazione generica di prezzo ed una guida per orientarsi nella trattativa. Per un privato investitore è quasi impossibile accedervi e sarà necessario accontentarsi delle tabelle sintetiche e parziali mostrate sul Sole24Ore.
Presso le gioiellerie o le società di intermediazione di diamanti si incontrano prezzi superiori rispetto a quelli indicati nel Rapaport poiché ad ogni passaggio della filiera si aggiungono vari ricarichi.

Avventurarsi nell'acquisto di un diamante

Prima di avventurarsi nell’acquisto di un qualsiasi diamante occorre verificarne il “certificato” che ne garantisce le caratteristiche.
I certificati vengono rilasciati da apposite società internazionali abilitate a svolgere questo compito, le principali e riconosciute in tutto il mondo sono: Gia, Hrd ed Igi.
Ogni certificato è numerato e deve contenere l’esatta descrizione del diamante e delle sue caratteristiche.

Nella scelta del diamante da investimento occorre seguire la logica giapponese del “chi più spende, meglio spende”. Le pubblicità che parlano di diamanti da investimento acquistabili per cifre popolari ed intorno ai 5-6 mila euro non la raccontano giusta, un investimento in diamanti ben fatto necessita di almeno 40-50 mila euro.

A livello pratico occorre evitare l’acquisto tramite internet o per interposta persona, al contrario è necessario pretendere di analizzare visivamente il diamante ed è consigliabile rivolgersi direttamente ad un grossista, magari intraprendendo un viaggio ad Anversa che è la capitale europea dei diamanti. Rivolgersi ad un grossista è sicuramente la soluzione migliore per riuscire ad ottenere garanzie di qualità ed un prezzo decente e non troppo gonfiato.

È invece da evitare l’acquisto tramite una banca poiché i prezzi che vengono applicati ai clienti sono decisamente gonfiati, gli istituti di credito spesso garantiscono il riacquisto ma solo con penali e costi molto alti. Guadagnare con un acquisto effettuato tramite istituto bancario risulta arduo poiché si acquista a prezzi gonfiati ( a cui si deve aggiunge l’iva ) e si rivende con pesanti commissioni.

Se il prezzo del diamante non si è rivalutato in modo molto generoso nel corso degli anni, se ne va tutto in commissioni e come al solito chi ci guadagna è sempre e solo la banca… Attenzione anche all’acquisto tramite gioielliere perché il ricarico applicato può essere notevole.

La fase successiva all'acquisto

Una volta acquistato il diamante occorre affrontare il problema della custodia e dell’assicurazione, è sicuramente possibile custodirlo celato in qualche angolo di casa ma è sicuramente più sicuro in una cassetta di sicurezza. Molto diffusa anche la stipula di una assicurazione ma nella realtà, a causa dei costi elevati, ha più senso per pietre di una certa importanza piuttosto che per modesti importi.

I costi di custodia ed assicurazione ovviamente possono incidere in modo consistente sul rendimento dell’investimento.

Insidie da non sottovalutare

Nel corso degli anni si sono fatti strada anche i diamanti artificiali, ossia quelli creati in laboratorio, al momento i diamanti artificiali vengono utilizzati quasi esclusivamente in ambito lavorativo ed industriale e la loro qualità non è eccelsa ma, in futuro, non è da escludere che verrà raggiunta una buona qualità con un prezzo basso o comunque contenuto.
A questo punto si apre un quesito: se si raggiungeranno buoni risultati dal punto di vista qualitativo e di costo, cosa succederà al prezzo dei diamanti naturali?
A logica potremmo dire che all’aumentare dell’offerta di diamanti, in teoria dovrebbe calarne il prezzo.

Altri pareri, che però sono di parte ed in conflitto di interessi perché provenienti da addetti ai lavori, affermano che invece il diamante naturale conserverà un prezzo maggiore rispetto al diamante artificiale. Tutto può essere e non ho una risposta a questo quesito ma è sicuramente una spada di Damocle di cui tenere conto.

In definitiva

In definitiva l’investimento in diamanti offre degli innegabili pregi ma anche troppi difetti. Investire in un prodotto il cui prezzo è molto soggettivo e nebuloso ( i prezzi del listino Rapaport sono consultabili solo dai grossisti ), con gravi problemi di liquidità quando si vuole vendere e che non garantisce di ottenere un rendimento reale positivo ( ossia superiore all’inflazione ) appare quasi un azzardo.

L’investimento in diamanti presenta dei rischi elevati capaci di far dubitare che sia davvero un bene rifugio adatto al piccolo risparmiatore, per chi è del settore è probabile che ci siano margini di manovra e di guadagno ma per un privato la via appare tutta in salita.

Dopotutto se anche le banche centrali mondiali preferiscono acquistare oro invece di diamanti ci sarà un motivo….

Gabriele Bellelli
http://www.bellelli.biz

Contributi in Traderpedia

Vedi anche:

Collegamenti esterni

Contatto

Strumenti personali
Varianti
Azioni




Navigazione
Categorie Principali
Altre Categorie
Traderpedia Store