Insidie ben celate nello scalping

Seguici su Facebook
Da Traderpedia.
Jump to navigation Jump to search
«Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore,
non il piacere.»

(Aristotele)


Nello scalping l’organizzazione del lavoro è molto importante, due buoni monitor affiancati permettono di avere molti book sotto controllo permettendo maggiori possibilità operative. I prezzi scorrono velocemente e serve qualche tempo per prendere la giusta confidenza con orari flussi di denaro, molti scalper operano prevalentemente nella prima parte della sessione operativa, dalle 9 alle 11, altri solo dopo aver individuato le giuste formazioni di congestione e altri ancora operano senza particolari schemi, attendono semplicemente che l’occasione si palesi davanti ai loro occhi.

Non è una vita facile quella dello scalper, a fine giornata gli occhi fanno male e la mano è intorpidita, provata dai lunghi minuti col dito sospeso sopra il tasto del mouse, pronta a chiudere o ad aprire un trade. Decine di volte al giorno.

Lo scalping piace molto a chi inizia ad interessarsi al trading, a molti ma non a tutti. Le regole sono semplici e dopo qualche mese di simulazione davanti al pc si è ben padroni delle principali tecniche, ovviamente se si è in grado di fare qualche mese di addestramento senza operare. Tuttavia il motivo per il quale lo scalping piace molto è puramente economico, sono richiesti pochi soldi e con il gran numero di operazioni che è possibile fare si possono guadagnare molti soldi. Sulla carta…

Con circa 10.000€ euro si può già iniziare lavorando a leva, una cifra che rientra nella disponibilità di molte persone e che, purtroppo, proprio perché viene utilizzata a leva moltiplica di pari passo anche stress e ansia.

Nessun bisogno di conoscere complesse tecniche, un periodo di addestramento molto limitato, operazioni aperte e chiuse pochi minuti dopo, un piccolo guadagno moltiplicato per decine e decine di operazioni al giorno. Ma è proprio tutto così facile?

No, non credetelo nemmeno per un attimo! E’ semplice ma non è facile. La dimensione emotiva è terribile e richiede molto tempo per essere governata, una grande fase di test e simulazione è richiesta allo scalper, un tempo che lui stesso non vuole impiegare per pagare col tempo ciò che invece pagherà col denaro.

Sono due le affermazioni più insidiose per lo scalper:
1. Nello scalping la perdita non è contemplata;
2. Il guadagno prescinde dal trend.

Possono sembrare affermazioni degne di rispetto, anzi sono sicuramente parole che l’aspirante scalper desidera sentire. Ma non corrispondono assolutamente al vero. La perdita è contemplata eccome, spesso si tratterà solo delle commissioni ma statene certi, non mancherà mai di farvi visita!

Anche la seconda affermazione è inesatta, il trend di fondo condiziona i micromovimenti e individuare la tendenza permette di impostare delle scalpate profittevoli. Il guadagno prescinde anche dal trend, se vogliamo non ne è l’unico artefice ma riveste un ruolo da non sottovalutare.

Al solito chi inizia ad interessarsi allo scalping o al trading in generale ha una fretta terribile. Ha quasi fame di grafici, esempi, configurazioni e via discorrendo… Non ha fame di conoscenza ma di nozioni che gli permettano il raggiungimento del suo scopo: guadagnare soldi e possibilmente in fretta e con poca fatica.

Il tempo dedicato a conoscere la perdita è poco, quando compare è un’ospite inattesa, capace di incutere timore e di paralizzare i sensi. L’errore non è comparso nel trade che ha generato il loss, l’errore è stato compiuto a monte ignorando la Via della Perdita a beneficio della Via del Guadagno.

Anche per lo scalping la componente emotiva è quella che va maggiormente indagata, è inutile concentrarsi sul voler capire e comprendere a tutti i costi il mercato, passate del tempo a comprendere voi stessi, la vostra propensione al rischio, le vostre reazioni alle perdite e ai guadagni. Adattate voi al mercato e non il mercato a voi.

Non riuscirete mai a piegarlo ai vostri desideri e anche quando pensate di averlo finalmente compreso state bene attenti, lui muta continuamente di carattere, voi no.

Proprio per questo anche l’attività dello scalper va considerata come al 90% psicologica e al 10% tecnica. Imparate a gestire le perdite comperando e vendendo non aspettative ma rischio. Comperatene poco e vendetene molto.

Di questo consiglio mi sarete grati quando lo comprenderete.

Vedi anche: