Differenze tra le versioni di "Trailing stop"

Seguici su Facebook
Da Traderpedia.
Jump to navigation Jump to search
m (una revisione importata)
 
 
(4 versioni intermedie di uno stesso utente non sono mostrate)
Riga 1: Riga 1:
 +
''"L'unico bene, la condizione fondamentale per una vita felice, è la fiducia in se stessi... nè può renderti felice la bellezza o la forza del corpo: nessuno di quei beni resiste al passare del tempo."''
 +
(Seneca)
 +
 +
 
Un’evoluzione dello Stop Loss classico e del Breakeven Stop è il Trailing Stop anche chiamato Stop ad inseguimento. Il vantaggio di questo stop è che assume forma dinamica mutando di valore col procedere dei movimenti. Tanto maggiore il movimento, tanto maggiore sarà la quantità di profitto che il Trailing Stop riuscirà a salvare.
 
Un’evoluzione dello Stop Loss classico e del Breakeven Stop è il Trailing Stop anche chiamato Stop ad inseguimento. Il vantaggio di questo stop è che assume forma dinamica mutando di valore col procedere dei movimenti. Tanto maggiore il movimento, tanto maggiore sarà la quantità di profitto che il Trailing Stop riuscirà a salvare.
  
Riga 7: Riga 11:
 
Nell’esempio proposto il Trailing Stop sarà sempre pari al 10% dal massimo raggiunto, se il prezzo arriverà a 110 il Trailing Stop del 10% (attivato dopo una crescita del 5%) chiuderà l’operazione a 99 (110-10%=110-11=99) e quindi quasi in pari.  
 
Nell’esempio proposto il Trailing Stop sarà sempre pari al 10% dal massimo raggiunto, se il prezzo arriverà a 110 il Trailing Stop del 10% (attivato dopo una crescita del 5%) chiuderà l’operazione a 99 (110-10%=110-11=99) e quindi quasi in pari.  
  
La differenza con il Breakeven Stop è evidente, in questo caso lo stop cresce al crescere del valore e quindi protegge i profitti e non solo il capitale iniziale. <br>Ovviamente possono essere sviluppate le più diverse strategie di Trailing Stop, ad esempio è possibile stabilire il prezzo di attivazione pari al prezzo di carico o di pochissimo maggiore, e impostare un livello di esecuzione molto largo oppure prevedere un livello di attivazione alto e un livello di esecuzione vicino al prezzo attuale, così da “forzare” la chiusura del trade al primo storno. <br>Inoltre non è da sottovalutare la bontà dell’utilizzo congiunto di diverse tipologie di stop che, opportunamente combinate tra loro, permettono di stabilire rigidi controlli ma dotati di una certa flessibilità.<br>
+
La differenza con il Breakeven Stop è evidente, in questo caso lo stop cresce al crescere del valore e quindi protegge i profitti e non solo il capitale iniziale. <br>Ovviamente possono essere sviluppate le più diverse strategie di Trailing Stop, ad esempio è possibile stabilire il prezzo di attivazione pari al prezzo di carico o di pochissimo maggiore, e impostare un livello di esecuzione molto largo oppure prevedere un livello di attivazione alto e un livello di esecuzione vicino al prezzo attuale, così da “forzare” la chiusura del trade al primo storno.  
 +
 
 +
Inoltre non è da sottovalutare la bontà dell’utilizzo congiunto di diverse tipologie di stop che, opportunamente combinate tra loro, permettono di stabilire rigidi controlli ma dotati di una certa flessibilità.<br>
  
 
== Vedi anche:  ==
 
== Vedi anche:  ==
  
 +
*[[Indice sequenziale Trading|Indice sequenziale Trading]]
 
*[[Stop_loss|Stop loss]]  
 
*[[Stop_loss|Stop loss]]  
 
*[[Breakeven stop|Breakeven stop]]  
 
*[[Breakeven stop|Breakeven stop]]  
 
*[[Trailing stop|Trailing stop]]  
 
*[[Trailing stop|Trailing stop]]  
*[[Take_profit|Take profit]]
+
*[[Take profit|Take profit]]  
 
*[[Shock Protection|Shock Protection]]
 
*[[Shock Protection|Shock Protection]]
  
[[Category:Varie]]
+
[[Category:Trading]]

Versione attuale delle 20:35, 12 apr 2012

"L'unico bene, la condizione fondamentale per una vita felice, è la fiducia in se stessi... nè può renderti felice la bellezza o la forza del corpo: nessuno di quei beni resiste al passare del tempo." (Seneca)


Un’evoluzione dello Stop Loss classico e del Breakeven Stop è il Trailing Stop anche chiamato Stop ad inseguimento. Il vantaggio di questo stop è che assume forma dinamica mutando di valore col procedere dei movimenti. Tanto maggiore il movimento, tanto maggiore sarà la quantità di profitto che il Trailing Stop riuscirà a salvare.

Per impostare un Trailing Stop è necessario impostare due livelli:
1. il livello di attivazione;
2. il livello di esecuzione.

Il livello di attivazione è una variazione percentuale che, maggiorata al prezzo di carico, attiva il livello di esecuzione ad un valore inferiore.
Ad esempio con un 5% di attivazione e un 10% di esecuzione il Trailing Stop si attiverà, fatto 100 lo strumento finanziario, a 105 (100+5%=100+5=105) rendendo operativa la chiusura dell’operazione in caso di perdita del 10% dal prezzo di attivazione e quindi a quota 94,5 (105-10%=105-10,5=94,5).
Ma non è tutto. Se il prezzo sale, cresce anche il Trailing Stop che è, appunto, “dinamico”.

Nell’esempio proposto il Trailing Stop sarà sempre pari al 10% dal massimo raggiunto, se il prezzo arriverà a 110 il Trailing Stop del 10% (attivato dopo una crescita del 5%) chiuderà l’operazione a 99 (110-10%=110-11=99) e quindi quasi in pari.

La differenza con il Breakeven Stop è evidente, in questo caso lo stop cresce al crescere del valore e quindi protegge i profitti e non solo il capitale iniziale.
Ovviamente possono essere sviluppate le più diverse strategie di Trailing Stop, ad esempio è possibile stabilire il prezzo di attivazione pari al prezzo di carico o di pochissimo maggiore, e impostare un livello di esecuzione molto largo oppure prevedere un livello di attivazione alto e un livello di esecuzione vicino al prezzo attuale, così da “forzare” la chiusura del trade al primo storno.

Inoltre non è da sottovalutare la bontà dell’utilizzo congiunto di diverse tipologie di stop che, opportunamente combinate tra loro, permettono di stabilire rigidi controlli ma dotati di una certa flessibilità.

Vedi anche: