Differenze tra le versioni di "Inversione del trend"

Seguici su Facebook
Da Traderpedia.
Jump to navigation Jump to search
 
(20 versioni intermedie di uno stesso utente non sono mostrate)
Riga 1: Riga 1:
Tutti i modelli di inversione sono riscontrabili prevalentemente sul [[grafico giornaliero]] e nel corso di movimenti maggiori. La loro affidabilità e potenza previsiva è forte e sono utilizzati per individuare la fine di una tendenza in atto. Per poter parlare di figura grafica di inversione è necessaria la presenza di alcuni elementi:<br>
+
[[Image:Orso_toro_arena.jpg|thumb|right|350px|L'orso si gode un momento di gloria. Ha ucciso il toro e preso il suo posto, ora domina la tendenza. Ma è proprio morto il toro? No, è solo ferito e aspetta di riprendere il controllo dei prezzi in un ciclo senza fine.]]<center>''«Preferisco avere all'incirca ragione che precisamente torto.»''<br>(John Maynard Keynes)</center>
  
*''La presenza di un trend primario in atto. Infatti per definizione una figura di inversione deve avere qualcosa da invertire e quindi deve formarsi a seguito di robuste crescite o cali dei corsi.''
 
*''La dimensione e l'estensione temporale della figura. A differenza delle formazioni di continuazione, generalmente piccole, le formazioni di inversione sono grandi ed estese nel tempo, come regola generale, tanto più estese sono le formazioni tanto più forti saranno le implicazioni operative.''
 
*''I volumi. Elemento essenziale nella valutazione e conferma delle figure di inversione. Nel dettaglio il volume deve esplodere alla fuoriuscita tecnica dei prezzi.''
 
  
<br>
+
Tutti i modelli di inversione sono riscontrabili prevalentemente sul [[grafico giornaliero]] e nel corso di movimenti maggiori. La loro affidabilità e potenza previsiva è forte e sono utilizzati per individuare la fine di una tendenza in atto.
 +
 
 +
== '''Identificare una figura grafica di inversione''' ==
 +
 
 +
Per poter parlare di figura grafica di inversione è necessaria la presenza di alcuni elementi:<br>
 +
 
 +
*'''''La presenza di un trend primario in atto.''' Infatti per definizione una figura di inversione deve avere qualcosa da invertire e quindi deve formarsi a seguito di robuste crescite o cali dei corsi.''
 +
*'''''La dimensione e l'estensione temporale della figura.''' A differenza delle formazioni di continuazione, generalmente piccole, le formazioni di inversione sono grandi ed estese nel tempo, come regola generale, tanto più estese sono le formazioni tanto più forti saranno le implicazioni operative.''
 +
*'''''I volumi.''' Elemento essenziale nella valutazione e conferma delle figure di inversione, nel dettaglio il volume deve esplodere alla fuoriuscita tecnica dei prezzi.''
  
 
Vi è inoltre da considerare la diversa volatilità e velocità tra le formazioni rialziste e quelle ribassiste, generalmente la formazione dei tops è molto più veloce e volatile dei bottoms mentre il tempo per i tops è generalmente inferiore a quello dei bottoms.  
 
Vi è inoltre da considerare la diversa volatilità e velocità tra le formazioni rialziste e quelle ribassiste, generalmente la formazione dei tops è molto più veloce e volatile dei bottoms mentre il tempo per i tops è generalmente inferiore a quello dei bottoms.  
  
Le principali figure di inversione sono:&nbsp;
+
== '''Le principali figure grafiche''' ==
 +
L'analisi tecnica grafica permette di individuare le principali figure di inversione che sono:
  
 
*[[Formazioni arrotondate|Formazioni Arrotondate]]  
 
*[[Formazioni arrotondate|Formazioni Arrotondate]]  
Riga 21: Riga 27:
 
*[[Broadening|Broadening]]  
 
*[[Broadening|Broadening]]  
 
*[[Diamante|Diamante]]  
 
*[[Diamante|Diamante]]  
*[[V-reversal|V-Reversal o Spikes&nbsp;]]
+
*[[V-reversal|V-Reversal o Spikes]]
 +
 
 +
Oltre a queste conformazioni dei prezzi ne esistono altre, meno note, ma ugualmente interessanti.
 +
 
 +
== '''Altre figure meno note''' ==
 +
Le figure grafiche presenti in questo elenco non sono sempre riportate dai classici manuali di analisi tecnica, ma sono ben note a molti trader che le riscontrano nella loro operatività. Anche se spesso i nomi di queste conformazioni possono essere diversi la logica di fondo non cambia.
 +
 +
*[[Adam and Eve]]
 +
*[[Cup and handle]]
 +
*[[Orecchie di lupo]]
 +
*[[Falling wedge]]
 +
*[[Rising wedge]]
 +
 
 +
== '''A volte i trend ribassisti non invertono mai...''' ==
  
<br>
+
Vale la pena ricordare che, a volte, i trend ribassisti non invertono mai. [[Il tracollo di Enron]] è un buon esempio di come gli acquisti, prima del fallimento della società, fossero mossi più da speranza e cupidigia. Il miraggio di compiere un affare impediva a molti di vedere il trend come unica discriminante per decidere se entrare o meno.
 +
[[image:enron_1.jpg|center|600px]]
 +
Agli improvvidi investitori, seguaci del [[il principio dell'opinione contraria|principio dell'opinione contraria]], almeno è restato un certificato da collezione, dovrebbe essere appeso nell'ufficio di ogni trader come monito.
  
 
== Vedi anche:  ==
 
== Vedi anche:  ==

Versione attuale delle 09:51, 29 lug 2013

L'orso si gode un momento di gloria. Ha ucciso il toro e preso il suo posto, ora domina la tendenza. Ma è proprio morto il toro? No, è solo ferito e aspetta di riprendere il controllo dei prezzi in un ciclo senza fine.
«Preferisco avere all'incirca ragione che precisamente torto.»
(John Maynard Keynes)


Tutti i modelli di inversione sono riscontrabili prevalentemente sul grafico giornaliero e nel corso di movimenti maggiori. La loro affidabilità e potenza previsiva è forte e sono utilizzati per individuare la fine di una tendenza in atto.

Identificare una figura grafica di inversione

Per poter parlare di figura grafica di inversione è necessaria la presenza di alcuni elementi:

  • La presenza di un trend primario in atto. Infatti per definizione una figura di inversione deve avere qualcosa da invertire e quindi deve formarsi a seguito di robuste crescite o cali dei corsi.
  • La dimensione e l'estensione temporale della figura. A differenza delle formazioni di continuazione, generalmente piccole, le formazioni di inversione sono grandi ed estese nel tempo, come regola generale, tanto più estese sono le formazioni tanto più forti saranno le implicazioni operative.
  • I volumi. Elemento essenziale nella valutazione e conferma delle figure di inversione, nel dettaglio il volume deve esplodere alla fuoriuscita tecnica dei prezzi.

Vi è inoltre da considerare la diversa volatilità e velocità tra le formazioni rialziste e quelle ribassiste, generalmente la formazione dei tops è molto più veloce e volatile dei bottoms mentre il tempo per i tops è generalmente inferiore a quello dei bottoms.

Le principali figure grafiche

L'analisi tecnica grafica permette di individuare le principali figure di inversione che sono:

Oltre a queste conformazioni dei prezzi ne esistono altre, meno note, ma ugualmente interessanti.

Altre figure meno note

Le figure grafiche presenti in questo elenco non sono sempre riportate dai classici manuali di analisi tecnica, ma sono ben note a molti trader che le riscontrano nella loro operatività. Anche se spesso i nomi di queste conformazioni possono essere diversi la logica di fondo non cambia.

A volte i trend ribassisti non invertono mai...

Vale la pena ricordare che, a volte, i trend ribassisti non invertono mai. Il tracollo di Enron è un buon esempio di come gli acquisti, prima del fallimento della società, fossero mossi più da speranza e cupidigia. Il miraggio di compiere un affare impediva a molti di vedere il trend come unica discriminante per decidere se entrare o meno.

Enron 1.jpg

Agli improvvidi investitori, seguaci del principio dell'opinione contraria, almeno è restato un certificato da collezione, dovrebbe essere appeso nell'ufficio di ogni trader come monito.

Vedi anche: