Carbone

Seguici su Facebook
Da Traderpedia.
Jump to navigation Jump to search
Certificato azionario del 1903 di una miniera di carbone.

Il carbone o carbone fossile, è una roccia sedimentaria costituita dai resti di accumuli vegetali che si trovano in profondità nella crosta terreste.

L'elevata pressione e le temperature della profondità terrestre, eliminano dagli accumuli vegetali l'idrogeno e l'ossigeno arricchendolo indirettamente di carbonio, si tratta di un processo che richiede molte migliaia di anni.

Il carbone è un combustibile fossile noto fin dai tempi antichi e, sostituendo il legno, è divenuto una primaria fonte di energia a partire dal 1700 grazie alla rivoluzione industriale. Oggi è una delle fonti primarie per la produzione di energia elettrica.

Esistono diversi tipi di carbone, tanto maggiore è la profondità e tanto maggiore sarà anche la temperatura, questo permette al carbone di aumentare la quantità di carbonio e quindi avremo:

  • torba, con quantità di carbonio inferiore al 70%;
  • lignite, con quantità di carbonio tra il 70 e il 75%;
  • litantrace, con quantità di carbonio tra il 75 e il 90%;
  • antracite, con quantità di carbonio tra il 90 e il 95%;
  • grafite, con quantità di carbonio del 100%


Il litantrace è il carbone più diffuso in natura e il più utilizzato a livello industriale, l'antracite ha un contenuto di carbonio del 95% ed è il carbone più pregiato mentre la grafite è carbonio puro e non viene utilizzato come combustibile. Il Coke è il carbone non fossile e ha una percentuale di carbonio compresa tra l'88 e il 92%

Il carbone è una commodity negoziata al New York Mercantile Exchange (NYMEX) con il simbolo QL. Il contratto a termine sul carbone di alta qualità equivale a 1550 tonnellate di carbone. Altri mercati dove sono trattati i futures sul carbone sono l’European Energy Exchange (EEX), l’Intercontinental Exchange (ICE) e, il Multi Commodity Exchange (MCX).

In inglese il carbone è chiamato "coal".

Strumenti Finanziari correlati:


Vedi anche: