Verità e bugie

Seguici su Facebook
Da Traderpedia.
“Ripeti una bugia 100 volte ed essa diventerà una verità.”

Mi crea un certo imbarazzo aprire questo articolo citando una delle più famose massime attribuite a Joseph Goebbels messo a capo da Adolf Hitler nel 1933 del Ministero per la Chiarezza Pubblica e la Propaganda ma proprio non posso farne meno. E’ un esempio perfetto di come l’effetto gregge finisca con l’inculcare alle masse convinzioni, idee, opinioni e codici di comportamento. I reiterati appelli alla vittoria inevitabile persuadevano gli ascoltatori a unirsi alla massa anche per il naturale desiderio di ritrovarsi dalla parte dei vincitori.

Gli esiti di quella convinzione sono noti a tutti.

Indice

Bugie spacciate come verità

Tuttavia non vi parlerò del Terzo Reich che ben poco ha a che fare con il trading, ma delle bugie che vengono veicolate come verità, come dogmi. La parola d’ordine sembra essere una sola: Spararla grossa. Ma talmente grossa che qualcuno finisce sempre per crederci, questa sembra la filosofia del messaggio di molti imbonitori, moderne guide del guadagno facile. Guadagnare in borsa è facilissimo, basta conoscere poche regole e il rischio è inesistente. Il trading è alla portata di tutti, guadagnare il 40% l’anno è il minimo…


Verità e bugie 1.jpg
"Venite senza timore pecorelle, comperate senza paura, qui nessuno vuole tosarvi."


Non vi è limite alla fantasia dei “mercanti di sogni” che, facendo leva sul desiderio di arricchirsi facilmente, propongono infallibili sistemi per guadagnare non solo delle grosse cifre ma, concetto molto subdolo e che fa grande presa, anche la gestione del proprio tempo speculando comodamente seduti a casa. Niente più viaggi in macchina per raggiungere il posto di lavoro, nessun capo odioso al quale rendere conto di ogni cosa e denaro a volontà. Un sogno, o meglio un miraggio con una forte attrattiva.
Basta digitare su un qualsiasi motore di ricerca la frase: “guadagnare in borsa” ed ecco che appaiono decine di link e messaggi pubblicitari, ne riporto giusto qualcuno a titolo di esempio.


Guadagnate soldi,
poco importa se le quotazioni di borsa…
…SALGONO o SCENDONO

Salve, sono il Re del mercato.
Compro e vendo seguendo il trend. Guadagno Sempre!
Scopri come farlo anche tu.

Guadagnare almeno il 3% al mese!
Un rendimento inferiore è inaccettabile,
far rendere di meno i tuoi soldi è un delitto.

Guadagna 600€ al giorno con la borsa.
Scopri come farlo facilmente.


La realtà

Allettante vero? Peccato che la realtà sia ben diversa da quella che viene prospettata, il trading è un’attività estremamente complessa che però sembra facile se la si osserva senza conoscerla a fondo. In fin dei conti si tratta solamente di pigiare un tasto per comperare e uno per vendere, ma quante cose ci sono dietro un semplice gesto!

E anche se il novello “trader” inizialmente guadagna state pur certi che si tratta di un prestito che il mercato si riprenderà indietro con lauti interessi. Guadagnare 600 € al giorno con il trading non è un obiettivo alla portata di un dilettante che inizia a fare trading dopo aver letto qualche libro o seguito un corso. Dovete riuscire ad immaginare i movimenti dei prezzi come fossero una musica, da leggere e da comprendere, a volte anche da suonare ma, per la maggior parte del tempo da ascoltare. Nessun musicista vi dirà mai che per imparare a suonare un pianoforte basta leggere un libro, al contrario occorre moltissima pratica diretta. Allo stesso modo nel trading la teoria serve solamente per poter sviluppare correttamente e coerentemente la pratica, diviene fondamentale simulare il trading per periodi anche lunghi e, solo dopo aver compreso che la musica cambia repentinamente, provare a suonare.

Molti investitori eccepiscono che con il simulatore di trading guadagnano fior fiore di quattrini ma poi nel mercato reale perdono. Perché?
La risposta non è difficile, trattano il grafico simulato per quello che è, una linea che si muove e quindi agiscono di conseguenza, nel trading reale invece non osservano più il grafico ma lo analizzano, aggiungono le loro previsioni, si fanno irretire dalle suadenti voci della speranza, dell’ingordigia o della bramosia, voci suadenti che cedono velocemente il passo alla paura e alla disperazione.
Ecco che speculazioni di breve si trasformano in investimenti, solitamente proprio quando generano grosse perdite.

Dedicarsi al trading a tempo pieno, senza aver prima percorso la strada dello studio e della simulazione, è una follia. Studiare e operare contemporaneamente non va bene, offusca la visione neutra che è sempre richiesta, condiziona ed espone ad errori. Un aspetto molto difficile per chi inizia è quello di riuscire a sopravvivere alla propria curva di apprendimento, esaurito il capitale se ne va anche l’autostima e la voglia di apprendere, si diventa cinici, disillusi, non aperti all’apprendimento. E quando si avrà nuovamente del denaro lo si perderà allo stesso modo.

Il trading professionale è alla portata solamente di chi ha tempo e denaro da impiegare, molto più tempo che denaro, credetemi, la fretta e l’avidità vanno a braccetto per convincere l’aspirante trader di come sia facile guadagnare soldi in borsa. Non è facile, non sempre. E comunque, occorre un’esperienza che si può acquisire in almeno cinque anni, se solo gli aspiranti trader aspettassero prima di speculare pagherebbero col tempo ciò che invece finiscono per pagare col denaro.

I corsi di formazione per diventare rapidamente ricchi

A convincere l’aspirante trader che la via della ricchezza è facile e veloce da raggiungere ci pensano molti corsi miracolosi che, prevalentemente sono:

1. Corsi sulle tecniche di Gann;
2. Corsi sulle tecniche di Elliott;
3. Corsi sulle opzioni in titoli americani.

Non sono certamente i soli, sia chiaro, semplicemente sono quelli che vanno per la maggiore, il corso su Gann e Elliott è per una platea di speculatori che ha già provato molte tecniche senza profitto, il corso sulle opzioni vede come partecipanti dei neofiti assoluti.

I mercati si possono prevedere. Questo è il messaggio che passa alla presentazione di questa tipologia di corsi. Si inizia con un filmato, solitamente molto evocativo come la battaglia di Russel Crowe ne “Il Gladiatore” e poi, improvvisamente, arriva il maestro di cerimonia che, applauditissimo dai suoi “complici”, inizia a spiegare come è possibile guadagnare milioni di euro grazie alle tecniche segrete di Gann. Carpe Diem, cogli l’attimo. 10.000€ per il corso iniziale che però, se si firma subito, scendono a soli 4.000€. Poi c’è il secondo modulo e, successivamente il terzo. Alla fine se ne vanno circa 20.000€ e, ovviamente, non si è in grado di prevedere un bel niente!

Se non siete in grado di guadagnare soldi in borsa è solo perché non conoscete le tecniche di Elliott. La sua conta delle onde è impareggiabile e con qualche corso la si padroneggia. Se poi non riuscite a guadagnare la colpa non è mai del metodo ma vostra che non comprendete e che quindi dovete fare altri corsi.
Ah, quasi dimenticavo di dirvi che Elliott è morto in miseria.


Con due giorni di corso e con soli 800 euro riuscirete a fare un sacco di soldi speculando in opzioni. Il messaggio che questa tipologia di corsi vuol far passare è: sulle opzioni si guadagna per forza, anche e soprattutto quando il mercato non sale e nemmeno scende, vale a dire la gran parte del tempo. Nella realtà fare trading su opzioni in titoli azionari americani senza conoscere i concetti di base del trading è pura follia! Si presenta la speculazione in opzioni come se fosse la gallina dalle uova d’oro a rischio zero o quasi: "al massimo perdi quello che hai messo...". Cioè il 100% del capitale investito.
Gli esempi di trade mostrati sono scelti con cura e funzionano alla perfezione, guadagnare il 50% in pochissimo tempo sembra veramente alla portata di chiunque. Peccato che la realtà sia ben diversa come ben sa chi ha speculato in opzioni seriamente!


«L'ottimista è una persona che ordina una dozzina di ostriche nella speranza di poterle pagare con la perla che troverà in una di loro.» (Theodor Fontane)

Un gigantesco circo

Ai trader di vecchia data come il sottoscritto, a chi andava in banca a comperare i titoli pagando lo 0,7% di commissione, a chi ha vissuto internet dagli arbori facendo trading con i primi software in ms dos, a voi vecchi lupi dei mercati non sembra forse che il settore del trading on line si stia trasformando in un gigantesco circo dove si fa a gara a chi la spara più grossa?

"Vengano Signori e Signore, si accomodino, lo spazio è molto ma non infinito.
Qui si vince, si vince sempre perché la perdita, semplicemente, non è contemplata."
Verità e bugie 2.jpg


Questo bellissimo manifesto di uno show circense potrebbe ben illustrare, sotto forma di metafora, il circo del trading, uno spettacolo che ha il solo scopo di magnificare ciò che magnifico non è. Purtroppo i manifesti dei venditori di sogni sono diversamente realizzati e ci si accorge dei reali fini dello spettacolo solo quando è troppo tardi. Quanti ignari spettatori ha servito il “circo del trading”, e quante storie si potrebbero raccontare senza il minimo timore di annoiare chi le legge. D’altra parte anche nel trading speculativo i mercanti di sogni rispondono perfettamente alla domanda del loro spettatore: acquistare un sogno.

Et voilà. I signori sono serviti.

Chi si avvicina per la prima volta al mondo del trading speculativo sembra catapultato in un’altra dimensione, in un gigantesco mondo dei balocchi dove basta aprire un conto di trading per moltiplicare il denaro versato. Velocemente e con poco rischio. Il denaro faticosamente guadagnato (non per tutti però) si trasforma all’istante in un numero che fa una tronfia presenza nel conto di trading. Va moltiplicato e quindi si compera e si vende fino a quando il saldo del conto ha quasi vergogna di mostrarsi. Quando il novello trader perde lo fa in silenzio, da solo, quando guadagna condivide con la propria famiglia, con gli amici o con i fruitori di qualche forum i propri successi. È schiavo del proprio Ego, delle proprie aspettative tradite. È schiavo del denaro che crea robuste catene per imprigionare proprio chi non lo possiede.

Habere non haberi.
Possedere, non essere posseduti.

Il trading non si apprende leggendo un libro, frequentando un corso o speculando in borsa, il trading lo si intravede prendendo dai libri, dai corsi e dall’esperienza ciò che possono dare. La conoscenza acquisita permette di sostenere il vero esame che ogni speculatore deve superare, quello che lo vede contrapposto al proprio carattere e alla propria condizione finanziaria. Non mi stuferò mai di stimolare la riflessione sul fatto che il trading è una questione di stomaco e non di cervello. E, purtroppo, ognuno si deve tenere lo stomaco che possiede.

Buona riflessione, i moderni circensi del trading facile utilizzano così tante parole per convincervi del contrario che ritengo superfluo aggiungere altro. Semplicemente ascoltateli con la mente libera e ponetevi le giuste domande. Le risposte, quelle giuste, verranno da sole.

Un'ultima cosa...

Ah, quasi dimenticavo, un’ultima cosa sugli investimenti improvvidi e dai rischi non preventivati. Guardate l’obbligazione che segue, non è mai stata rimborsata eppure era emessa dal “Reich millenario”.
Quale lezione è possibile trarne? Semplicemente che nel trading, come pure nella vita, l'unica cosa certa è l'incertezza. Siatene certi!


Verità e bugie 3.jpg


Stefano Fanton - Trader di vecchio corso...

Note:

Vedi anche:

Strumenti personali
Varianti
Azioni




Navigazione
Categorie Principali
Altre Categorie
Traderpedia Store