Marty Schwartz

Seguici su Facebook
Da Traderpedia.

Marty Schwartz è uno dei migliori trader solisti del mondo. In una sua intervista disse: «Rido sempre quando incontro persone che dicono di non aver mai incontrato un analista tecnico ricco. Mi piace! È una affermazione così arrogante e senza senso. Ho usato l’analisi fondamentale per nove anni e sono diventato ricco con l’analisi tecnica».

In realtà la storia del suo successo non è così semplice. Schwartz nasce da una famiglia senza pretese ed impara subito a lavorare duramente. Riesce a frequentare il college e ad uscirne a pieni voti. Dopo un inizio difficile all’Università decide di arruolarsi nei Marines col patto di non essere destinato al Vietnam. Nei Marines viene addestrato duramente ed impara che ogni obiettivo può essere raggiunto a patto di un forte impegno. Graduato, torna alla Columbia e porta a termine il Master in Businnes Administration (Mba). Nel frattempo lavora come analista fondamentale in una brockerage house. La lascia poi per un’altra compagnia dove accade un fatto che inciderà decisamente nel suo futuro.

In un momento estremamente positivo per il mercato, Schwartz compila un’analisi piuttosto negativa del settore ospedaliero. Purtroppo un altro analista si ubriaca ed avviene una fuga di notizie che causa una brutta caduta dei titoli. Schwartz viene coinvolto in uno scandalo e riesce ad esserne esonerato solo con un processo. Gravemente offeso per quello che era successo decise di lasciare l’azienda e rimase solo con 20.000 dollari. I tentativi di operare in proprio lo ridussero però senza soldi e quindi lo portarono alla necessità di lavorare in una nuova azienda. Nel frattempo conobbe la sua futura moglie.

Il lavoro presso la nuova società lo entusiasma molto, ha infatti il modo di conoscere alcuni trader tra i migliori del mercato. Nonostante questo si accorge che la società comincia ad entrare in difficoltà. «Quando il direttore commerciale passò dal panino consumato in pochi minuti a pranzi troppo lunghi capii che qualcosa non andava…».

La situazione lo porta a cercare subito un nuovo lavoro e passa ad un’altra società con la clausola di avere un video con i dati in tempo reale solo per sé. Schwartz passa il tempo elaborando un proprio sistema. Si abbona a tutte le newsletter possibili e trae nuove idee da ciascuna. Le nozioni apprese dai trader conosciuti lo aiutano molto, tuttavia la conoscenza di un ingegnere che adotta strani sistemi di trading basati su calcoli numerici lo porta a perdere buona parte dello stipendio.

Dopo qualche tempo si trova di nuovo stressato e senza alcuna voglia di continuare in un lavoro che non lo soddisfa. Elabora un suo sistema. A questo punto, vista la sua intolleranza al lavoro di analista, la moglie lo incita a mettersi in proprio e così Schwartz parte con 70.000 dollari di cui buona parte raccolti dai parenti. In quattro mesi diventano 100.000 e l’anno seguente salgono a 600.000. Dall’1981 in poi i suoi risultati non sono mai scesi sotto il milione di dollari. Dopo anni passati a perdere soldi sul mercato Schwartz divenne un trader vincente. Com’è stato possibile? Secondo le sue affermazioni, il passaggio è avvenuto quando è stato in grado di separare i suoi bisogni psicologici dal trading. In sostanza accettare le perdite è più facile che ammettere di aver sbagliato. Il vincente dice: «Pensavo che fosse così ma mi sono sbagliato, taglio subito le posizioni perché voglio salvare i miei soldi e continuare ad operare».

Naturalmente Schwartz opera sulle opzioni dove i margini di guadagno e di perdita sono molto ampi.

Citazioni:

Vedi anche:

Strumenti personali
Varianti
Azioni




Navigazione
Categorie Principali
Altre Categorie
Traderpedia Store