Differenze tra le versioni di "Un diverso tipo di scrittura"

Seguici su Facebook
Da Traderpedia.
Jump to navigation Jump to search
(Creata pagina con 'In particolare per il Trader Statico nasce l’esigenza, capito che i prezzi scontano tutto, che la storia si ripete e che il mercato si muove secondo tendenze, di possedere degl...')
 
Riga 1: Riga 1:
In particolare per il Trader Statico nasce l’esigenza, capito che i prezzi scontano tutto, che la storia si ripete e che il mercato si muove secondo tendenze, di possedere degli strumenti tecnici che permettano di visualizzare e classificare le tendenze in atto. <br>Le sequenze di prezzo sono dei veri e propri linguaggi, con l'evoluzione delle quotazioni un titolo a volte ci urla a gran voce rialzo, rialzo, rialzo, a volte lo sussurra lentamente e a volte alterna le voci senza decide dove andare. In altre parole il mercato ha un linguaggio proprio che ha tre parole e molte sfumature, le tre parole principali sono: rialzo, ribasso e indecisione. Questo è vero in prima approssimazione, in realtà esistono molti metodi di scrittura che possono, a prima vista, sembrare complicati ma che, una volta compresa la chiave di lettura, sono molto semplici.<br><br>Un differente tipo di grafico
+
Per il Trader&nbsp;nasce l’esigenza, capito che i prezzi scontano tutto, che la storia si ripete e che il mercato si muove secondo tendenze, di possedere degli strumenti tecnici che&nbsp;gli&nbsp;permettano di visualizzare e classificare le tendenze in atto.  
  
Lo scopo primario dell'analista è quello di capire se un titolo sta salendo, scendendo o accumulando, per far ciò si serve del grafico, lo strumento principe per l'analista. Tutti gli studi tecnici hanno come base un grafico che è la rappresentazione su un piano cartesiano dell'andamento dei prezzi. Sull'asse delle ascisse verrà evidenziata la scala temporale, su quella delle ordinate i livelli di prezzo.<br>L'Analista Tecnico dispone di varie tipologie di grafici per visualizzare i prezzi, le più comuni sono i grafici lineari, a barre e candlestick. Ci sono altre rappresentazioni dei prezzi meno diffuse ma ugualmente interessanti come, ad esempio, i grafici Point&amp;Figure, Equivolume, CandleVolume, Kaji, Renko e Three Line Break. <br>Una volta scelta la forma nella quale rappresentare i prezzi possiamo personalizzare anche la scala di visualizzazione che può essere Lineare o Semi-logaritmica. Normalmente si utilizza la rappresentazione lineare ma per i lunghi periodi (oltre i 2 anni) o per titoli con enormi escursioni di prezzo si predilige la semi-logaritmica. <br>Oltre alla scala possiamo decidere di visualizzare i dati con una diversa compressione che può essere Intraday, Giornaliero, Settimanale, Mensile, Trimestrale o Annuale. Ogni time frame ha la sua specifica utilità, i suoi vantaggi e i suoi limiti.
+
Le sequenze di prezzo sono dei veri e propri linguaggi, con l'evoluzione delle quotazioni un titolo a volte ci urla a gran voce rialzo, rialzo, rialzo, a volte lo sussurra lentamente e a volte alterna le voci senza decide dove andare. In altre parole il mercato ha un linguaggio proprio che ha tre parole e molte sfumature, le tre parole principali sono:
  
 +
*'''''rialzo;'''''
 +
*'''''ribasso;'''''
 +
*'''''indecisione.'''''
  
 +
Questo è vero in prima approssimazione, in realtà esistono molti metodi di scrittura che possono, a prima vista, sembrare complicati ma che, una volta compresa la chiave di lettura, sono molto semplici.<br><br>
 +
<center>''Un differente tipo di grafico''</center>
 +
Lo scopo primario dell'analista è quello di capire se un titolo sta salendo, scendendo o accumulando, per far ciò si serve del grafico, lo strumento principe per l'analista. Tutti gli studi tecnici hanno come base un grafico che è la rappresentazione su un piano cartesiano dell'andamento dei prezzi. Sull'asse delle ascisse verrà evidenziata la scala temporale, su quella delle ordinate i livelli di prezzo.<br>L'Analista Tecnico dispone di varie tipologie di grafici per visualizzare i prezzi, le più comuni sono i grafici lineari, a barre e candlestick. Ci sono altre rappresentazioni dei prezzi meno diffuse ma ugualmente interessanti come, ad esempio, i grafici Point&amp;Figure, Equivolume, CandleVolume, Kaji, Renko e Three Line Break.
  
 +
Una volta scelta la forma nella quale rappresentare i prezzi possiamo personalizzare anche la scala di visualizzazione che può essere Lineare o Semi-logaritmica. Normalmente si utilizza la rappresentazione lineare ma per i lunghi periodi (oltre i 2 anni) o per titoli con enormi escursioni di prezzo si predilige la semi-logaritmica.
  
 +
Oltre alla scala possiamo decidere di visualizzare i dati con una diversa compressione che può essere Intraday, Giornaliero, Settimanale, Mensile, Trimestrale o Annuale. Ogni time frame ha la sua specifica utilità, i suoi vantaggi e i suoi limiti.
  
I grafici per il multiday pag.<br>• Lineare pag.<br>• Barre pag.<br>• Candlestick pag.<br>• Kaji pag.<br>• Renko pag.<br>• Three Line pag.<br>• Equivolume pag.<br>• Point&amp;Figure pag.<br>• Candlevolume pag.<br>
+
<br>I principali&nbsp;grafici per la rappresentazione del prezzo&nbsp;sono:&nbsp;<br>• [[Grafico lineare|Grafico Lineare]] <br>• [[Grafico a barre|Grafico a Barre ]]<br>• [[Grafico candlestick|Grafico Candlestick]]
 +
 
 +
== Vedi anche:  ==
 +
 
 +
*[[Indice_sequenziale_Grafici|Indice sequenziale Grafici]]
  
 
[[Category:Grafici]]
 
[[Category:Grafici]]

Versione delle 09:36, 13 gen 2012

Per il Trader nasce l’esigenza, capito che i prezzi scontano tutto, che la storia si ripete e che il mercato si muove secondo tendenze, di possedere degli strumenti tecnici che gli permettano di visualizzare e classificare le tendenze in atto.

Le sequenze di prezzo sono dei veri e propri linguaggi, con l'evoluzione delle quotazioni un titolo a volte ci urla a gran voce rialzo, rialzo, rialzo, a volte lo sussurra lentamente e a volte alterna le voci senza decide dove andare. In altre parole il mercato ha un linguaggio proprio che ha tre parole e molte sfumature, le tre parole principali sono:

  • rialzo;
  • ribasso;
  • indecisione.

Questo è vero in prima approssimazione, in realtà esistono molti metodi di scrittura che possono, a prima vista, sembrare complicati ma che, una volta compresa la chiave di lettura, sono molto semplici.

Un differente tipo di grafico

Lo scopo primario dell'analista è quello di capire se un titolo sta salendo, scendendo o accumulando, per far ciò si serve del grafico, lo strumento principe per l'analista. Tutti gli studi tecnici hanno come base un grafico che è la rappresentazione su un piano cartesiano dell'andamento dei prezzi. Sull'asse delle ascisse verrà evidenziata la scala temporale, su quella delle ordinate i livelli di prezzo.
L'Analista Tecnico dispone di varie tipologie di grafici per visualizzare i prezzi, le più comuni sono i grafici lineari, a barre e candlestick. Ci sono altre rappresentazioni dei prezzi meno diffuse ma ugualmente interessanti come, ad esempio, i grafici Point&Figure, Equivolume, CandleVolume, Kaji, Renko e Three Line Break.

Una volta scelta la forma nella quale rappresentare i prezzi possiamo personalizzare anche la scala di visualizzazione che può essere Lineare o Semi-logaritmica. Normalmente si utilizza la rappresentazione lineare ma per i lunghi periodi (oltre i 2 anni) o per titoli con enormi escursioni di prezzo si predilige la semi-logaritmica.

Oltre alla scala possiamo decidere di visualizzare i dati con una diversa compressione che può essere Intraday, Giornaliero, Settimanale, Mensile, Trimestrale o Annuale. Ogni time frame ha la sua specifica utilità, i suoi vantaggi e i suoi limiti.


I principali grafici per la rappresentazione del prezzo sono: 
Grafico Lineare
Grafico a Barre
Grafico Candlestick

Vedi anche: